Le Fragranze

Ogni essenza è studiata ed analizzata con cura, per coglierne tutte le proprietà benefiche e terapeutiche prima di essere diffusa nell’aria.

POMPELMO

L’essenza è ricavata mediante spremitura a freddo delle bucce. L’essenza di pompelmo è tonica ed euforizzante, contrasta gli esaurimenti sia mentali sia fisici, ridà tono alla pelle e ai muscoli, stimola il sistema linfatico e l’appetito. Il suo profumo provoca euforia, aiuta a stimolare l’autostima e la coscienza del proprio valore. L’aroma del pompelmo indossato come profumo aiuta a eliminare l’amarezza, la gelosia, la frustrazione, l’indecisione e l’avvilimento. Alcune gocce d’essenza di Pompelmo nella vasca da bagno sono raccomandate per superare sia lo stress da prestazione sia il jet-lag dei viaggiatori.

ARANCIO

Insieme all’olio di Neroli (estratto dai fiori) e al Petit-grain (derivato dalle foglie), l’olio di Arancio ottenuto dalla buccia dei frutti completa la triade delle essenze ricavate dall’albero dell’Arancio amaro. Che generosità ci viene da quest’albero! Nessun altro ci offre tre oli essenziali diversi. Mettendolo a confronto con gli altri due, l’essenza delle bucce è molto semplice per il suo carattere e per la sua azione ed è interessante notare che si tratta, in effetti, non di un olio essenziale ma di un’essenza vera e propria, dato che è estratto dalla buccia dell’arancia per semplice pressione, senza bisogno di ricorrere ai complicati processi rappresentati dalla distillazione o dall’enfleurage. La sua semplicità è la sua virtù. Perché crearsi delle complicazioni quando non ce n’è bisogno? Usate quest’olio quando vi sentite allegri e sperimentate la sua affinità con la vostra stessa gioia. Usatelo anche quando vi sentite tristi e lasciatevi “nutrire” da esso così come il frutto nutre il nostro corpo, l’olio nutre la nostra anima, riempiendola di sentimenti. Usatelo per dare aiuto a chiunque ritenete sia in stato di bisogno e bruciatelo o vaporizzatelo in ogni ambiente o edificio in cui avvertite la necessità di portare un’atmosfera più serena.

PINO

L’archetipo dell’albero, nel linguaggio olfattivo, è il pino. I suoi effluvi resinosi hanno profumato il pianeta intero quando era coperto di foreste, milioni d’anni fa. Il suo tronco si alza dritto e robusto e permette alla cima di raggiungere altezze vertiginose. Gli alberi della famiglia del pino hanno la capacità di resistere ai climi estremi e alcuni di loro sono fra gli esseri vivi più longevi che esistono oggi. Dai pini provengono due note olfattive: dal legno e dalle foglie. L’odore delle foglie è balsamico e provoca la dilatazione del respiro. In effetti, l’albero respira attraverso il suo fogliame che si presenta come un polmone alla rovescia. L’aroma delle foglie è fresco e balsamico e apre le vie respiratorie, ci fa alzare la testa al cielo esattamente come la cima degli alberi. Le essenze ricavate dalla distillazione delle foglie delle diverse specie di pini sono usate nella cura delle più gravi malattie respiratorie. Il legno del tronco dei pini produce olii essenziali molto più densi e persistenti spesso usati per prestare corpo e durevolezza ai profumi naturali, sono tenaci e stabili, emanano un’immagine di forza rassicurante e infondono fiducia. Come si può facilmente immaginare, le essenze del tronco giovano alle ossa e alle articolazioni, in modo particolare alla colonna vertebrale. Nello stesso modo in cui il legno è caldo e isolante, le essenze dei legni, particolarmente quelle dei pini, rinforzano la capacità del corpo di resistere alle malattie da raffreddamento.

ROSMARINO

L’olio di Rosmarino è un protettore psichico e per questo è particolarmente utile da usare fin dal mattino prima di esporsi a tutte le influenze del mondo esterno, sia quelle di cui siamo consapevoli e magari timorosi, che quelle che non conosciamo ma che temiamo di incontrare nella vita quotidiana. Inoltre, l’olio di Rosmarino è molto adatto da usare al mattino perché stimola a livello fisico e il suo uso in ore più avanzate della giornata può talvolta causare insonnia. L’olio può anche essere utilizzato per proteggere la casa, ecc. Usatelo nelle lampade per aromi o nei vaporizzatori. Si tratta di una delle piante che nel Medioevo erano usate per cacciare gli spiriti maligni dai luoghi o dalle persone. Erano bruciati in questo caso dei ramoscelli secchi e voi potete fare altrettanto in alternativa all’uso dell’olio essenziale. Per quanto riguarda i chakra, il Rosmarino è particolarmente adatto al Chakra della Fronte. Nell’aromaterapia a livello fisico, l’olio é conosciuto come cefalico, vale a dire, come un olio che stimola il cervello e l’attività mentale. A livello spirituale il Rosmarino è associato a qualità come la chiarezza di pensiero e la perspicacia e può essere assai utile quando vi sia necessaria una maggiore lucidità. Attenzione: quest’olio non deve essere usato da persone sofferenti di epilessia o di pressione alta. Non deve essere usato nelle ore più avanzate del giorno perché può causare insonnia. Non deve essere usato durante la gravidanza.

TIMO (thymus vulgaris L. e thymus serpillum)

Famiglia delle Labiate, piccolo arbusto aromatico dai fiori bianco-rosati o lilla, a scopo medicinale si usa il Timo vulgaris, piuttosto che il Timo serpillo. Parti usate: sommità fiorite. Attività Timo: utile per i problemi alle prime vie respiratorie e contro molti disturbi dell’apparato gastrointestinale e delle vie urinarie. Contiene: olio essenziale, fenoli come timolo, carvacrolo, canfene, geraniolo, linaiolo, resina, acidi fenolici, tannini, flavonoidi, responsabili dell’azione antispastica sulla muscolatura liscia, migliora le funzioni digestive e calma la tosse. Attività Timo: azione antisettica, balsamica ed espettorante, utile nella tosse, pertosse, bronchite, aiuta nei casi di diarrea e meteorismo. L’olio essenziale ha attività antimicrobica, contro i germi di varia natura come batteri e funghi, e germi antibiotico resistenti (l’olio essenziale per via interna va prescritto solo da un medico). Il Timo, ha proprietà balsamiche, anticatarrali, antisettiche, stimolanti, antibiotiche, regola le mestruazioni, calma la tosse, raffreddore, influenza, decongestiona le vie aeree intasate dal muco, aiuta nel mal di gola, coadiuvante nella bronchite, nella polmonite (sentire sempre il proprio medico curante). Indicazioni uso esterno Timo: utile nella medicazione di ferite o affezioni cutanee, ha proprietà deodoranti per il cattivo odore ai piedi e antibatteriche e calmanti nel prurito, e nei dolori reumatici, s’impiega anche nelle paste dentifrice. Aromaterapia Timo: l’olio essenziale è antisettico, perché contiene timolo, usato per l’igiene personale e per la disinfezione, combatte efficacemente le infezioni batteriche e virali a carico delle vie urinarie e dei bronchi, riattiva la circolazione ed è impiegato in unguenti per dolori muscolari e articolari, l’olio per uso esterno, va usato sempre diluito ad esempio con olio di mandorle, perché altrimenti causa arrossamenti e irritazione in pelli sensibili, attenzione gli olii essenziali sono molto concentrati (assumere l’olio essenziale per via interna solo dietro prescrizione medica e attenersi assolutamente alle dosi indicate). E’ un potente antibatterico e antifungino entra come ingredienti da molti prodotti antisettici e per l’igiene personale. Controindicazioni Timo: sconsigliato in gravidanza, negli ipertesi e negli ansiosi. Controindicazione olio essenziale (non la pianta intera): per via esterna può causare irritazioni e infiammazioni cutanee e fenomeni allergici. Per uso topico è bene diluire l’olio essenziale di Timo, ma non usarlo comunque alla presenza di dermatiti. Si sconsiglia l’uso dell’olio essenziale, anche per via interna, per la presenza di timolo, che provoca sintomi che vanno dal dolore gastrico, alla cefalea, capogiri, nausea, vomito, convulsioni, coma e morte. Per uso esterno l’olio va diluito. Il Timo è controindicato sempre per la presenza di timolo nella gastrite, nell’ulcera peptica. Va impiegato come olio essenziale solo su prescrizione medica. Prudenza in gravidanza e allattamento. I preparati erboristici a base di Timo sono sicuri.

CEDRO ATLANTICO

L’olio di Rosmarino è un protettore psichico e per questo è particolarmente utile da usare fin dal mattino prima di esporsi a tutte le influenze del mondo esterno, sia quelle di cui siamo consapevoli e magari timorosi, che quelle che non conosciamo ma che temiamo di incontrare nella vita quotidiana. Inoltre, l’olio di Rosmarino è molto adatto da usare al mattino perché stimola a livello fisico e il suo uso in ore più avanzate della giornata può talvolta causare insonnia. L’olio può anche essere utilizzato per proteggere la casa, ecc. Usatelo nelle lampade per aromi o nei vaporizzatori. Si tratta di una delle piante che nel Medioevo erano usate per cacciare gli spiriti maligni dai luoghi o dalle persone. Erano bruciati in questo caso dei ramoscelli secchi e voi potete fare altrettanto in alternativa all’uso dell’olio essenziale. Per quanto riguarda i chakra, il Rosmarino è particolarmente adatto al Chakra della Fronte. Nell’aromaterapia a livello fisico, l’olio é conosciuto come cefalico, vale a dire, come un olio che stimola il cervello e l’attività mentale. A livello spirituale il Rosmarino è associato a qualità come la chiarezza di pensiero e la perspicacia e può essere assai utile quando vi sia necessaria una maggiore lucidità. Attenzione: quest’olio non deve essere usato da persone sofferenti di epilessia o di pressione alta. Non deve essere usato nelle ore più avanzate del giorno perché può causare insonnia. Non deve essere usato durante la gravidanza.

EUCALIPTO

A livello fisico, l’olio di Eucalipto un forte antisettico e purificante, per cui bruciato o vaporizzato nella camera di un ammalato serve a pulire l’aria e ad accelerare la guarigione e può essere usato durante le epidemie per contrastare il diffondersi dei virus. Utilizzatelo allo stesso modo a livello spirituale, per ripulire ogni luogo in cui siano avvenuti dei conflitti, tipo litigi e discussioni, o persino scontri fisici, oppure in qualsiasi posto in cui siano presenti energie negative. L’Eucaliptus Radiata possiede le stesse proprietà dell’Eucaliptus Globulus senza averne la tossicità.

CLOROFILLA

La clorofilla, pigmento verde fotosintetico, che caratterizza le piante, è una sostanza, di formula complessa contenente un atomo di magnesio, presente nelle parti verdi delle piante, consente di sintetizzare alla presenza della luce solare i glicidi e acqua. E’ appunto la clorofilla che dà alle foglie il colore verde e capta l’energia luminosa necessaria perché le piante possano svolgere la fotosintesi clorofilliana Può essere facilmente estratta dalle foglie verdi di qualunque pianta. La clorofilla dà il colore verde alle foglie. Questo colore è ottenuto dalla molecola che è in grado di assorbire le radiazioni rosse e violette, che sono complementari rispetto al colore verde. La Luce assorbita fornisce alla pianta l’energia necessaria alla fotosintesi. La Clorofilla avendo una capacità di assorbimento molto forte, tende a mascherare gli altri colori. Se ci si fa caso, molte verdure, una volta cotte assumono un colore verde sbiadito, questo accade perché durante la cottura l’atomo di magnesio, che è presente nella struttura della clorofilla, è scambiato con un atomo d’idrogeno, cambiando l’energia degli elettroni, anche le molecole cambiano colore. La struttura della clorofilla ricorda quella dell’emoglobina, pigmento rosso che porta l’ossigeno nel sangue. Come l’emoglobina, la clorofilla è costituita da una trama di molecole che sono raggruppate intorno ad una singola molecola di metallo: nel caso dell’emoglobina si tratta del Ferro (Fe), per la clorofilla è il Magnesio (Mg). L’emina è il pigmento che combinato con le proteine forma l’emoglobina (la sostanza rossa nel sangue che porta l’ossigeno alle cellule), l’emina è composta di carbonio, idrogeno, ossigeno e atomi di azoto raggruppati attorno ad un singolo atomo di ferro. Attività della Clorofilla e patoprotettiva, purifica il fegato, aiuta nella sensazione di sapore amaro in bocca generalmente causato da dispepsie o problemi epatici, aiuta a ridurre gli odori che si originano nel tratto digestivo, causato da alimentazione sbilanciata, tabacco, bevande, traspirazione sgradevole da alterazioni metaboliche, aiuta nelle coliti, apporta ossigeno alle cellule, utile in alcune forme di anemia (come coadiuvante e sotto consiglio medico), migliora la contrazione cardiaca, aumenta i livelli di resistenza fisica, e per questo si rende utile anche agli sportivi, sembra che aiuti a regolare le mestruazioni, elimina gli odori del corpo, come alito cattivo, di aiuto nella piorrea (affezione delle gengive), aiuta il drenaggio nasale, nel catarro, di sollievo nel mal di gola e tonsille infiammate, nei problemi respiratori, nella sinusite, nella rinite, nell’influenza, come coadiuvante per i tessuti ulcerosi e nelle emorroidi, aiuta a migliorare il sistema vascolare degli altri inferiori, di aiuto nelle vene varicose, aiuta a ridurre il dolore nei processi infiammatori, ha un’azione tonica e lievemente anti-depressiva (nelle depressioni gravi consultare il proprio medico curante), favorisce l’assorbimento del calcio, dona sollievo in presenza di colite, ulcera e gastrite. Sembra sia di aiuto nelle ipertensioni, migliora la circolazione sanguigna periferica, con dilatazione vasale, facilitando le contrazioni cardiache. Sembra che abbia un’azione cicatrizzante utile in chi soffre di ulcera peptica.

GERANIO

 

Il geranio rosa, chiamato geranio odoroso possiede piccoli fiori rosa molto meno belli del geranio ornamentale, ma il potente profumo che emana tutta la pianta annuncia proprietà che non possiede la varietà “domestica”. La fragranza della pianta appoggiata sul davanzale della finestra è in grado di spaventare la zanzara al punto di impedirle di penetrare nella stanza. E’, in effetti, un formidabile insetto repellente, la sua essenza è l’unica capace di allontanare le specie più accanite delle zanzare asiatiche, la varietà che lancia i suoi attacchi nel pomeriggio ad altezza delle caviglie. Le sue proprietà non si limitano a questo, se siete allergici al veleno di certi insetti, l’essenza di geranio potrebbe essere anche un salvavita per voi. Possiede, in effetti, la rara proprietà di essere “cortisone simile” e quindi neutralizza rapidamente le reazioni allergiche ai veleni. Questa proprietà mai menzionata sui libri di aromaterapia benché sia la più importante di questa essenza, mi ha reso l’olio essenziale di Geranio preziosa non solo per gli interventi di pronto soccorso, ma anche per alleviare tutte le reazioni allergiche come le dermatosi allergiche pruriginose e soprattutto le riniti allergiche cosi generalizzate in Italia. Il profumo del Geranio rosa piace sempre alle persone soggette ad allergie, perché come tante volte ho potuto osservare, “il tuo naso è il tuo medico”. Il profumo dell’essenza di Geranio è tonico e assomiglia all’essenza di rosa, benché molto meno raffinato e, in effetti, le loro proprietà come i loro odori sono molto simili. Tonico uterino e ormonale, il geranio aiuta le donne sia per il parto sia nella menopausa. Questa essenza è capace di decongestionare in profondità e rapidamente, il suo effetto sull’acne acuta si nota in venti minuti, è un potente stimolatore della circolazione venosa e linfatica tanto da essere usata con molto successo sia per curare le emorroidi sia le vene varicose e la cellulite. E’ un’essenza importante in aromaterapia per aiutare le donne a tutte le età. Il suo profumo tonico e rinvigorante trova applicazione anche nei disturbi psicologici delle donne, come l’ansia, la depressione, l’insicurezza di sé e lo stress che si trasforma in apatia. Questa “essenza delle donne” è molto sottovalutata, come potrebbe esserlo il suo umile rustico fiore in confronto alla principesca rosa, ma è proprio quest’umiltà che mette alla portata di tutte le donne, le stupende proprietà dell’essenza di rosa troppo costosa per il comune mortale.

LILLA’

Nome latino: Syringa vulgaris. Nome alternativo: lilla comune. Moduli disponibili: fiore. Lilla – vulgaris syringia – Lilla è un deciduo, twiggy arbusto o piccolo albero con una massa di foglie a forma di cuore e vistose pannocchie di piccoli, cerosa, fiori di primavera. Il profumo è estratto dai fiori e usato commercialmente. I fiori erano usati per trattare la febbre. Nel linguaggio dei fiori, lilla simboleggia le prime emozioni d’amore. Se inalato troppo in profondità, tuttavia, la fragranza dei fiori forte può causare nausea. Altri usi: Lilla allontana il male in cui è piantata o disseminata. È stato originariamente piantato nel New England di mantenere il male dalla proprietà. I fiori freschi possono essere collocati in una casa stregata per cancellarlo. Pace; chiaroveggenza, divinazione, creatività, felicità, armonia.

MUGHETTO

La fragranza del bianco Mughetto incanta da sempre i creatori di profumi. Le note delicate di queste candide campanelle sono usate nell’aromaterapia per le loro proprietà purificanti; sono così piene di charme e rara eleganza! Il profumo di questo fiore, che richiama alla mente l’Amore tenero, è ingenuo e malizioso allo stesso tempo. Ricercatori tedeschi hanno appurato che i ricettori dell’olfatto sono gli stessi nel naso e nello sperma. E si è visto che uno di questi, presente nelle membrane degli spermatozoi, si attiva con l’essenza del mughetto. L’idea è che se si riuscisse ad agire su questi recettori, si potrebbe ottenere un nuovo sistema contraccettivo o anche, al contrario, realizzare una tecnica per combattere la sterilità.

FIORI BIANCHI

Il profumo dei fiori è senz’altro il più nobile, il più etereo e rappresenta le più elevate e sublimi emozioni umane. Inebriante ed euforizzante, la fragranza dei fiori infonde spensieratezza, rende gioiosi ed è alla base delle cure aromatiche contro lo stress e l’ansia sia in psico-aromaterapia sia in profumo-terapia. Il fiore bianco simboleggia la purezza spirituale, così il mughetto e il fiore d’arancio rappresentano meno della rosa la femminilità e la sensualità ma sono più adatti a infondere un senso di calma e il ritorno alla dimensione interiore. I Fiori Bianchi compongono l’essenza anti-stress e rilassante di Ylang Ylang con il petit grain e l’Italianissimo Bergamotto. Fiori Bianchi sono una fragranza femminile e completa, e può essere utilizzata anche come profumo da indossare e come base da aggiungere all’olio, per massaggi rilassanti e tonificanti.

MUSCHIO

Il nome del muschio è conosciuto dall’umanità intera ma, oggi, poche migliaia di persone hanno avuto il privilegio di sentirne la fragranza. Fu il profumo dei re e degli imperatori e il comune mortale lo poteva sentire solo nella scia dei potenti della terra. Il muschio è l’archetipo stesso del Profumo e possiede una potenza straordinaria sia nel senso olfattivo sia per la sua azione sulla psiche e per le sue virtù curative. Il muschio è tuttora usato nelle medicine “unani” e “ayurvedica” in combinazione con miele, polvere di rubino e altri ingredienti, come un tonico capace di resuscitare le energie esaurite. La sua reputazione di potente afrodisiaco non è smentita dall’odore molto animale e quasi corporale che conferisce a chi lo indossa una enorme carica di attrazione fisica procurandogli un senso d’audacia e di sicurezza di sé che potrà trasformare anche in energia mentale (come i re per governare) o spirituale (per le tradizioni orientali il profumo che emana il corpo del profeta Muhammad e dei santi non è di rosa ma proprio di Muschio). Le borsette del muschio aperte. In basso a sinistra si distingue la pelle interna che è messa a macerare nell’olio di sandalo (in alto nella bottiglia).  Il muschio è prodotto dal maschio di un piccolo cervo dell’Indù Kush e dell’Himalaya, il moschus moschiferus, animale sedentario che marchia il suo territorio seminandoci le palline di muschio che si formano in due borsette attaccate sotto la pancia che assomigliano veramente a dei testicoli. Il cervo muschiato dissemina il muschio durante la stagione degli amori come un messaggio destinato alle femmine che contiene tutte le informazioni al suo riguardo; età, stato di salute e patrimonio genetico, una vera carta d’identità olfattiva dall’effetto afrodisiaco…

ROSA
Questo profumo contiene esclusivamente assoluto di Rosa e alcool naturale a 96°. Rosa centifolia, Rosa damascena, Rosa officinalis. La rosa è una delle essenze più difficili da distillare: occorrono 6 tonnellate di petali per ricavare 1 kg di olio essenziale. L’assoluto di rosa ottenuto con estrazione all’alcool è meno costoso dell’olio essenziale ottenuta per distillazione al vapore, il suo aroma è più vicino al profumo dei petali freschi ma possiede soltanto una parte dell’energia intensa dell’olio essenziale distillate. La rosa è l’archetipo del fiore e il simbolo dell’amore sia profano sia divino. Il suo profumo da un senso di sicurezza e d’armonia e permette di superare l’egoismo e l’egocentrismo. La Rosa ha una predilezione con il chakra del cuore che vivifica, permettendogli di irradiare l’energia dell’amore nei nostri pensieri e nelle nostre azioni. L’aroma della rosa unisce armoniosamente il sacro e il sensuale e aiuta a spiritualizzare le relazioni sessuali. Favorisce l’inventiva in tutte le arti perché apre il cuore alle realtà angeliche e l’ispirazione vera è di natura angelica. La rosa è usata in psico-aromaterapia nella cura delle malattie mentali e in aromaterapia sono considerate alcune delle essenze più importanti per le donne: è un tonico uterino che previene i prolassi e la tendenza all’aborto, calma gli spasmi e argina le emorragie, è equilibrante ormonale nei disturbi mestruali e nella menopausa ed è un meraviglioso supporto sia psicologico sia fisico nella gravidanza.

LAVANDA

L’essenza ricavata dalla distillazione di questo piccolo fiore possiede qualità terapeutiche così numerose e potenti che è difficile individuare un suo campo d’azione elettivo. E’ una vera panacea per qualsiasi male: con la Lavanda non si sbaglia mai. Ha un notevole potere analgesico, antivelenoso ed è capace di stimolare i processi di rigenerazione dei tessuti lesi. La dolcezza della lavanda è rivolta in modo particolare agli anziani e ai bambini. La sua freschezza è quella della pulizia interiore, la sua energia fra yin e yang offre il dono dell’equilibrio, della calma e della chiarezza. Il suo effetto rigenerante sul sistema nervoso è riconosciuto e largamente impiegato in psicoterapia per vincere la paura, la confusione mentale, l’instabilità di stati d’animo, l’isteria. Può essere indossata dagli attori contro il panico da palcoscenico.

COSA POSSIAMO FARE PER TE ?

Per consulenza gratuita e per saperne di più contattaci compilando il form